Ray Ban Junior Malaysia

L’impresa ha inizio tra consensi e dissensi (nasce persino un’agguerrita cellula comunista). Si beffano i nazisti, si disorientano i partigiani, ci si incontra (sul piano umano) e ci si scontra (su quello musicale) con gli zingari. Finché si giunge in una terra di nessuno.

Ancora una volta si parla di yakuza, con la storia del giovane figlio di un boss attaccato dal fratello maggiore per detenere il potere ereditato dal padre. Cominciano i primi germi di una sperimentazione che lo spingerà a mischiare vari formati, generi e a giocare con la drammaturgia. Lo si vede benissimo in Full Metal gokud (1997), altro yakuza film contaminato dalla fantascienza.

Quell gli apre cos il mondo del piacere ed inizia quindi a tenere un diario che, alla fine, conter oltre 600 avventure con donne diverse. L di cui si innamorer per la signora delle colombe, verr brutalmente sgozzata dal gelosissimo marito, una volta scoperto il tradimento. La scena d tra i due, nella barca privata di Florentino, con l di trementina veramente bellissima e forse il momento pi coinvolgente del film.

Torna a lavorare con Massimo Venier nel 2013 in Aspirante vedovo, e lo stesso anno partecipa al film di Andrea Segre La prima neve e a quello di Matteo Oleotto Zoran, il mio nipote scemo. Reciterà poi per Carlo Mazzacurati ne La sedia della felicità, prendendo parte al film su Pasolini diretto da David Grieco La macchinazione e alla commedia di Emilio Briguglio Una nobile causa (2016).Difficile quest’anno fare pronostici dopo i cambiamenti annunciati da Thierry Frémaux nella conferenza stampa del 12 aprile: la varietà dei Paesi invitati (una dozzina), i nuovi arrivi in competizione (otto), l’assenza dei precedenti vincitori per l’insoddisfazione dei selezionatori o per la strategia commerciale dei produttori (Jacques Audiard, Mike Leigh) e naturalmente la presenza istituzionale e irrinunciabile di Jean Luc Godard (Le livre d’image), che ha ispirato la radiosa locandina ufficiale. Lasciati a casa i favoriti degli anni scorsi (Sorrentino, Kawase, Audiard, Dolan, Lanthimos.), le sorprese arriveranno probabilmente da quei registi conosciuti nel loro Paese ma ‘sconosciuti’ altrove (Ryusuke Hamaguchi, Kirill Serebrennikov).

Ma Tu’an Gu scopre la donna con il bambino e li uccide entrambi essendo certo di aver eliminato il pericoloso erede. La vendetta del medico richiedera’ tempo ma sara’ lucida: fara’ in modo che il bambino sopravvissuto viva a stretto contatto con il perfido generale, che costui gli si affezioni e che proprio da lui riceva la morte. Il progetto e’ ambizioso ma non tiene conto dei sentimenti del bambino divenuto giovane uomo.Si potrebbe definire shakespeariano questo film di Chen Kaige se l’aggettivazione non fosse troppo usurata.

Lascia un commento