Ray Ban In Lebanon

Nell’era in cui anche i blockbuster hanno scoperto di avere un’anima, comparsa, volente o nolente, all’alba dell’11 settembre 2001, Roland Emmerich rivendica il suo diritto alla catastrofe trionfalistica e l’orgoglio di un cinema meramente ludico. Mentre gli eroi dei cine fumetti sentono sempre più il peso delle grandi responsabilità e le guerre dei mondi si combattono in soggettiva, Emmerich non vive la necessità di realizzare kolossal raffinati in linea con lo spirito del tempo. Fin dai tempi di Stargate e Independence Day, il suo progetto appare piuttosto un tentativo sistematico di allargare le dimensioni dello spazio e del tempo fino alla lacerazione, per poi raccontare, in fondo, sempre la stessa storia.

Per il secondo anno ho partecipato per conto del mio giornale, il Corriere del Mezzogiorno, ai sul male a Ceraso, in Cilento dove en plein air si è discusso di spopolamento delle nostre terre e del nostro cuore che poi è (quasi) la stessa cosa. Grazie a Luisa Cavaliere, Maria Liguori, al sindaco Gennaro Maione, ai ragazzi del liceo Parmeniode, ai tanti scrittori con noi sotto un gazebo, la polpa delle parole ha ripopolato un po il nostro sguardo. Per questa seconda edizione ho anche scritto questo testo narrativo in dialogo con tu splendi di Giuseppe Catozzella.

Roy Dupuis intendeva diventare un fisico. Grazie al perfetto bilinguismo inizia una carriera come attore in Canada come negli Stati Uniti a partire dal 1988. Appare in televisione in Le grand jour (1988) ma il primo ruolo importante è nel 1989 per Come fare l’amore con un negro senza stancarsi di Jacques Benoit.

Capitolo a parte merita la questione legata all’intervento nei cieli di Bengasi dei tornado italiani. Gli aerei italiani impegnati in Libia finora non hanno sparato e non spareranno nemmeno in futuro ed è importante che il comando delle operazioni passi alla Nato. Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi intervenendo ad una manifestazione elettorale per le prossime Comunali a Torino.

Seguono film minori che non eguagliano il successo di Pulp Fiction ma la aiutano a confrontarsi con generi molto diversi: è nel drammatico Un mese al lago (1994), nella commedia Un uomo in prestito (1996) dov’è una svampita bionda poco intelligente e nella piccola perla Beautiful Girls (1996) di Ted Demme.Qualche gossip e il cinema d’autoreComincia poi il periodo delle grandi produzioni cinematografiche, più commerciali e meno autoriali; la vediamo in Batman Robin (1997), nello sci fi Gattaca La porta dell’universo (1997) e in The Avengers Agenti speciali (1998). Nel frattempo la vita privata finisce spesso sui giornali scandalistici, a causa della sua burrascosa relazione con Gary Oldman (il matrimonio è durato appena due anni), i numerosi flirt veri o presunti e l’inizio della nuova storia con Ethan Hawke che sposa il 1 maggio 1998, dal quale avrà due figli. Negli stessi anni viene chiamata da Billie August ne I miserabili (1998), seguito da Accordi e disaccordi (1999) di Woody Allen e da James Ivory per The Golden Bowl (2000).

Lascia un commento